Rivalorizzazione delle opere paesane
Il Tiglio si è occupato anche della restaurazione di due capitelli votivi (sec XIX) che versavano in condizioni critiche, nel primo situato in via Mazzini, proprio nella cinta muraria della “ciasa del Muni”, si può trovare il dipinto rappresentante la Beata Vergine con Bambino e i santi Sebastiano e Antonio da Padova.

Il secondo capitello è situato in via Battiferro sul muro di casa Moro, anche ne dipinto qui situato è rappresentata la B. Vergine con i santi Floriano e Antonio da Padova.
Tutti questi interventi commisionati dall’Associazione, sono stati supervisionati, e poi autorizzati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

L’ associazione ha da poco rinnovato e restaurato la “Ciasa dal muni”, una casa che si affaccia all’entrata della piazza Cavour, abitata fin dagli anni ’30 da Giuseppe Fabbro (1929-2003).
La casa era gestita dai soci, sempre più preoccupati per le sue condizioni, vista la sempre maggiore importanza che stava acquistando per la sagra e considerato che sarebbe stato troppo oneroso per lui ristrutturarla, Giuseppe Fabbro decise di donarla a
“Il Tiglio”.

Si cercò di provvedere ad una iniziale e limitata ristrutturazione per mettere, quantomeno in sucurezza lo stabile. Fu grazie all’impegno di collaboratori volontari ed esperti nel mestiere, che si potè rinforzare la struttura con delle opere murarie.
Ora , potendo finalmente disporre di fondi propri, si è potuto procedere nella sua completa ristrutturazione: si son rifatte tutte le facciate esterne in sasso e si sono abbellite le colonne in mattoni oltre a consolidare e stuccare le pareti interne.